Lavello cucina, come scegliere quello giusto

0
170

Lavello cucina, come scegliere quello giusto? Come non sbagliare elemento, rischiando di impiegare inutilmente tempo e risorse economiche?

Qui di seguito alcuni consigli pratici e una panoramica per orientarsi nella scelta del lavello giusto per la nostra cucina.

Negli anni, infatti, da semplice accessorio il lavello cucina si è trasformato in un vero e proprio elemento d’arredo.

Per questo, oltre a prediligere l’aspetto pratico e funzionale, spesso tendiamo a scegliere un articolo che possa soddisfare anche l’estetica.

Lavello cucina, da incasso e da appoggio

La prima cosa che dobbiamo determinare è se stiamo per procedere a una sostituzione o a una installazione ex novo.

In caso di sostituzione, dovremo attenerci alla “base” che già abbiamo e allo stile della cucina.

In caso di installazione ex novo, potremo procedere come più ci piace.

Una prima distinzione vede i lavelli a incasso da una parte e i lavelli d’appoggio dall’altra.

LAVELLO DA INCASSO – È il classico lavello da cucina, che va appunto “incassato” nello spazio vuoto del top della cucina.

Solitamente, per evitare infiltrazioni d’acqua, viene fissato con del silicone.

LAVELLO DA APPOGGIO – Questo tipo di lavello viene appunto “appoggiato” su un apposito mobile sottolavello.

Il lavello e il mobile devono combaciare al millimetro nelle misure.

Quante vasche? E che forma?

Una ulteriore distinzione tra le tipologie di lavelli è la seguente:

  • con una vasca;
  • lavelli con due vasche;
  • con una vasca e gocciolatoio;
  • lavelli con due vasche e gocciolatoio

A UNA VASCA – Questa tipologia viene scelta se si necessita di un lavello molto capiente, per lavare a mano pentolame o vassoi ingombranti.

A DUE VASCHE – È la tipologia più comune, essendo quella più pratica: le due vasche si possono infatti, ovviamente, utilizzare contemporaneamente per cose diverse.

A UNA VASCA E GOCCIOLATOIO – Questo lavello viene scelto se si ha poco spazio ma si necessita, al tempo stesso, di un piano dove poggiare piatti e stoviglie.

A DUE VASCHE E GOCCIOLATOIO – È la soluzione più funzionale, ovviamente necessita di maggiore spazio rispetto agli altri tipi di lavello.

E LA FORMA? I lavelli più comuni sono quelli squadrati, ossia quadrati o rettangolari.

Esistono anche lavelli circolari e ad angolo, ma sono meno pratici dei precedenti.

Infatti, necessitano di particolari condizioni logistiche per la loro installazione.

I materiali: una scelta pratica e d’arredo

Quando scegliamo il materiale del nostro lavello cucina, dobbiamo in primis considerare la praticità, quindi anche l’estetica.

Vediamo quali sono i materiali più comuni per i lavelli della nostra cucina.

CERAMICA – È il lavello tradizionale: generalmente bianco, molto resistente e semplice da pulire.

Attenzione però alle scalfiture che potrebbero derivare da urti violenti su di esso.

ACCIAIO INOX – È il materiale più diffuso ed economico, oltre a essere il materiale più eco friendly. L’acciaio, infatti, è quasi completamente riciclabile.

La sua manutenzione richiede però particolare cura: nonostante sia molto resistente, se l’acqua non viene asciugata bene può lasciare i segni del calcare; inoltre, la superficie dell’acciaio inox può essere soggetta a graffi.

MARMO – Probabilmente la scelta più elegante, se si vuole dare ampio risalto al design.

Ovviamente, tale scelta va fatta tenendo conto dello stile della cucina.

VETRO TEMPERATO – Robusto e resistente, unisce lo stile alla praticità.

Igienico e semplice da pulire, ovviamente necessita di particolare manutenzione (per evitare graffi, a esempio).

RESINA – La resina è il materiale più “duttile”, nel senso che permette una lavorazione artigianale e allo stesso tempo su misura della nostra scelta.

FRAGRANITE E PYRAGRANITE – La fragranite è un misto di granito (80% circa) e resina (20%); la pyragranite è un misto di quarzo e resina.

Questi due materiali hanno il pregio di essere molto eleganti ma allo stesso tempo occorre fare attenzione quando effettuiamo la pulizia, in quanto particolarmente delicati.

140-1720

Lavello cucina, attenzione alle misure!

Sarebbe quasi superfluo ricordarlo, tuttavia è opportuno prendere le misure con la massima precisione.

Il nostro suggerimento, come sempre, è quello di rivolgersi a personale qualificato.

L’esperto saprà infatti assisterci in tutte le fasi, dalla scelta all’installazione.

Contestualmente alla scelta del lavello, si potrà inoltre procedere alla scelta del rubinetto per lavello cucina.

CERCHI UN LAVELLO PER LA CUCINA? CLICCA SUL SITO DIANFLEX

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here